Dono, cura, cammini di liberazione | da Asini n. 52 del 2018

Un articolo da “Gli asini” commentando un libro di ISHIGURO sottolinea alcune contraddizioni del lavoro sociale e provocando riflessioni sul lavoratore del Terzo settore, ad esempio:

“[…] assomiglia sempre di più alle persone di cui si prende cura[…] ovvero la condizione di chi cura per non morire, di chi deve necessariamente, con intelligenza e astuzia, perpetuare il bisogno ed il desiderio dell’altro […] per sopravvivere”.


◊ versione integrale